Stephanie Brancaforte – Change.org

Saggi
change-WEB
Acquista
 
Autore: Stephanie Brancaforte
Scritto con: Fiamma Goretti, Martina Pieri, Federico Ferrari
add scuole vai al progetto scuole
Pagine: 192
ISBN: 9788867833573
Prezzo libro: 16.00 €
Prezzo ebook: 8.99 €
Data di uscita: 06. 22

Guida pratica al cambiamento che vorresti

Change.org è la più grande piattaforma al mondo per il cambiamento sociale, dove chiunque può lanciare e firmare petizioni per mobilitare l’opinione pubblica attorno a un tema o un problema che gli sta a cuore. Ogni giorno, persone in ogni parte del globo danno inizio a campagne, mobilitano sostenitori e lavorano assieme ai decisori per trovare soluzioni a richieste concrete. La piattaforma conta quasi mezzo miliardo di utenti in 196 paesi e 11 milioni di utenti in Italia.

Partendo dalle persone che hanno lanciato alcune petizioni sulla piattaforma in Italia, Stephanie Brancaforte, con il contributo di Fiamma Goretti, Martina Pieri e Federico Ferrari, racconta cittadini che si impegnano a realizzare il cambiamento che vogliono vedere nelle loro comunità e nel loro Paese. Le giovani donne della campagna Stop Tampon Tax, la campagna per conferire a Patrick Zaki la cittadinanza italiana, premendo per la sua liberazione, la richiesta di Sammy Basso dei defibrillatori negli spazi pubblici, le associazioni per la salvaguardia dell’ambiente, l’equità sociale e di genere compongono un mondo in cui chiunque può far sentire la propria voce e fare la differenza, un mondo in cui prendere parte al cambiamento è parte della vita quotidiana di ciascuno di noi.


Condividi


“Se una persona porta alla luce un problema, forse molte altre lo hanno notato ma semplicemente non ne hanno parlato. E se potessimo metterci tutti insieme e ognuno potesse portare la propria piccola scintilla? Freddo, buio e isolamento possono diventare in un istante calore, luce e connessione. Lavorare insieme è una forza sorprendente.
Questo libro racconta storie di persone che hanno innescato il cambiamento. Il prossimo capitolo potresti scriverlo tu.”