B. Tertrais ∙ D. Papin – Atlante delle frontiere

Saggi
In offerta! Atlante delle frontiere – add editore
Autori: Bruno Tertrais
Delphine Papin
Traduzione: Marco Aime
Prefazione: Marco Aime
Note tecniche Illustrato, cartonato 28x26 cm
add scuole: vai al progetto scuole
Pagine: 140
ISBN: 9788867831845
Prezzo libro: 25.00 € 22.50 €
Data di uscita: marzo 2018

Muri, conflitti, migrazioni

Migranti, Brexit, conflitti ai confini della Russia e in Medio Oriente, tensioni in Asia, un muro tra il Messico e gli Stati Uniti: le frontiere non sono mai state così attuali.

Esistono 323 frontiere terrestri su circa 250.000 km. Aggiungendo le frontiere marittime, delimitate o meno, si arriva a un totale di circa 750 frontiere tra Stati. Alcune si attraversano facilmente, altre sono invalicabili, alcune sono visibili, altre invisibili (aeree, astronomiche). Ma esistono anche frontiere immaginarie o arbitrarie: politiche, economiche, culturali (lingua, religione, civiltà) che quasi mai coincidono con le frontiere internazionali.

Quali sono le frontiere esterne dell’Europa: quelle dello spazio Schengen, quelle dell’Unione Europea o quelle dell’Europa in quanto idea o concetto? Le tre non si sovrappongono. Si possono tracciare linee di separazione tra grandi aree culturali? Dove comincia l’Asia? Qual è la frontiera più militarizzata? Qual è il muro di difesa più lungo? E il reticolato più alto? Come si determinano le frontiere aeree? Ci sono ancora “zone bianche”, le terrae nullius che non appartengono a nessuno? Il cambiamento climatico può modificare certe frontiere esistenti? Le frontiere favoriscono la pace o sono foriere di guerre?

Questo Atlante dedicato alle frontiere ci aiuta a capire le sfide che si nascondono dietro queste linee che dividono o uniscono i popoli.

Con più di 40 cartine e infografiche originali, gli autori ci raccontano il mondo attraverso il prisma delle frontiere.


Condividi


Acquista
 
“In quest’epoca di transizione e grandi migrazioni, bisogna leggere e rileggere questo indispensabile Atlante delle frontiere.” - Alain Franchon, Le Monde -