Joachim Gauck – Libertà!

Esclamativi
gauck_liberta
Autore: Joachim Gauck
Traduzione: Eleonora Piromalli
Prefazione: Tonia Mastrobuoni
Pagine: 64
ISBN: 9788896873908
Prezzo libro: 6.00 €

Partendo dall’esperienza tedesca di unificazione, in questo piccolo ma ricchissimo saggio Joachim Gauck, attuale Presidente della Repubblica federale di Germania, vuole trovare le basi di una memoria condivisa, non solo tedesca ma europea, partendo dal racconto degli anni bui del comunismo fino agli attuali sviluppi democratici da perfezionare e conservare.

In queste pagine le riflessioni dell’autore su libertà e responsibilità sembrano avere il respiro di Vaclav Havel, considerato da Gauck un modello di riferimento politico, e si aprono a un discorso sull’Europa e sull’Occidente che sa essere un punto di partenza per la scoperta di una nuova e possibile unità.

“A definirci non è solo il nostro ruolo nella vita economica. Decisivo, piuttosto, è se partecipiamo all’esercizio del potere o se siamo sottomessi a esso; è questo che ci rende cittadini o non-cittadini”.

“Venne da me un mio ex collega e con tono lamentoso mi disse: “Sai chi sta accaparrando tutte le cariche pubbliche? In prima fila ci sono i “vecchi compagni”, poi i cattolici”. Il mio ex collega provava disgusto per la nuova situazione. Non mi dimostrai comprensivo e chiesi piuttosto: “Amico mio, quando i posti venivano assegnati in quel modo, ti sei impegnato in prima persona a puntare il dito contro coloro che adesso stanno seduti lì e della cui presenza adesso ti lamenti?” […] Ciò che dobbiamo tener sempre vivo non è un sapere che si impari attraverso studi faticosi bensì la prontezza a impegnarci quando si presenti la possibilità dare forma, e di contribuire a dare forma, alla cosa pubblica. Se riusciamo a mostrarci pronti nei confronti di questa capacità che risiede in noi e verso la realtà che ci circonda, allora possiamo usare la parola “responsabilità”.
Io chiamo “responsabilità” la libertà degli adulti.”


Condividi


Acquista
 
“La libertà non sta nella fuga nel pensiero, ma nell’azione.” - Dietrich Bonhoeffer -