Alessandro Giraudo – Storie straordinarie delle materie prime

Saggi
materie-prime_WEB
Autore: Alessandro Giraudo
Traduzione: Sara Prencipe
Prefazione: Philippe Chalmin
Pagine: 252
ISBN: 9788867832361
Prezzo libro: 16.00 €
Prezzo ebook: 7.99 €
Data di uscita: Giugno 2019

Quando si parla di materie prime, pensiamo automaticamente all’oro, all’argento, al ferro e al petrolio. Ma anche spezie, cereali, soia e mercurio, torba e granturco, sale e seta, diamanti e chiodi di garofano hanno partecipato a fare e disfare la Storia, il tutto in una sarabanda di guerre, complotti e misteri. Un’oncia di seta equivaleva a un’oncia d’oro nella Roma imperiale, e lo stesso accadeva per il sale, che oggi buttiamo sulle strade per impedire che si formi il ghiaccio. Il duello nel Mediterraneo fra papiro e pergamena è vinto dalla cartapecora che viene poi sconfitta dall’arrivo della carta. Dietro le quinte del gusto estetico c’è una sanguinosa battaglia per il controllo delle materie coloranti. L’Olanda vendette Manhattan agli inglesi per ottenere il controllo della noce moscata prodotta sull’isola di Run in Indonesia. La battaglia del pepe fra Venezia e Lisbona è durata un secolo. La storia dello zucchero di canna è iniziata in Nuova Guinea e Polinesia da dove si diffuse in India, i Greci e i romani lo chiamavano infatti, “sale indiano”.

Ossidiana, incenso, papiro, lana, indaco, pepe, argento, zucchero, cocciniglia, diamanti, salnitro, cacao, granturco, tè, caffè, noce moscata, ghiaccio, alghe, belladonna, mercurio, platino…. Quaranta piccole e grandi storie di elementi che hanno preso parte alla costruzione della Storia dell’umanità e del mondo attraverso gli odori, i profumi, i fetori, le fragranze, i colori, i gusti, i sapori.


Condividi


Acquista
 
“Un giorno, a una lezione di semiologia economica, Umberto Eco ci parlò di Sant’Agostino, della ribâ (l’usura), delle indulgenze dei Fugger, dei mercanti che viaggiavano mettendo a repentaglio la propria vita… Era impossibile scendere dal suo tappeto volante che planava sopra Bagdad, Samarcanda, Potosí, Timbuctu, Macao, ma anche Babilonia e New York. Da lì nasce questo mio libro sul mondo (bizzarro e curioso) delle materie prime.” - Alessandro Giraudo -
Contenuti extra