Architettare, verbo

La nuova lingua del costruire

Traduzione: Susanna Bourlot
In arrivo
In tour
Preordina libro
Pagine: 320
Formato: 14x21 cm
Data uscita: 26 Aprile 2024
ISBN: 9788867834631
Brillante e pungente nei confronti di un’industria che continua a sguazzare in un vocabolario autocelebrativo ignorando il proprio ruolo nella crisi climatica e nelle storture del tardo capitalismo. - Financial Times

Che cosa intendono realmente gli architetti quando parlano di «eccellenza», «sostenibilità», «benessere», «vivibilità», «creatività», «bellezza» e «innovazione»? E cosa ci dice tutto ciò sul futuro delle nostre case e del nostro pianeta?
Reinier de Graaf analizza con acutezza e ironia i continui incroci fra architettura, politica, finanza e potere, approfondendo come la loro interazione ha mutato l’aspetto e il destino delle città. Attraverso lo studio di alcune delle più note e importanti opere contemporanee e non, spunto di piacevoli quadri narrativi, Architettare, verbo affronta domande fondamentali: l’architettura è arte o servizio pubblico? Come diversificare committenza e finanziamenti pubblici e privati? Come affrontare il personalismo nel sistema dei premi?

De Graaf ragiona poi sul valore simbolico del tempo, incrociandolo con il tema della sostenibilità, dagli elementi più generali alle proiezioni dei costi dei lavori che possono durare decenni, in balia di crisi finanziarie e politiche, locali e globali. Perché anche l’architettura è un pezzo della complessità.

L’architettura non è più guidata dall’intento creativo dei suoi artefici – chiamatela ideologia – ma dall’imperativo di trionfare in categorie che non è stata l’architettura a inventare.