Luca Iaccarino – Dire fare mangiare

Saggi
Luca Iaccarino – Dire fare Mangiare
Autore: Luca Iaccarino
Pagine: 256
ISBN: 9788896873502
Prezzo libro: 15.00 €
Prezzo ebook: 5.99 €
Tag libro

Un libro di storie gustose

Luca Iaccarino non è soltanto il critico culinario di «Repubblica Torino» capace di scovare osterie e localini low cost indimenticabili, non è solo un critico che disquisisce sul sapore di un primo, la cottura di un brasato, la consistenza di un budino. Iaccarino ha la capacità di non fermarsi al piatto, ma di occuparsi di tutto quello che lo circonda. La sua è la penna di un giornalista di costume, attento più all’aspetto umano del mangiare che a quello prettamente materiale (cosa che però, si badi, di certo non disdegna).

Seguiamo Iaccarino in un gustoso racconto in quattro tappe: si comincia dal ristorante più lussuoso al mondo, il “Louis XV” di Alain Ducasse, viaggio antropologico, non solo gastronomico, dove si ride parecchio; si passa al racconto di tre giorni di durissima corvée in una cucina professionale di una trattoria con stile sulla collina torinese; si va per i folcloristici mercati e cibi di strada di Palermo; si finisce con una cena per amici cucinata dall’autore stesso, partendo dalla spesa e finendo al dolce.

Dopo aver concluso la lettura, non potremo più sederci al ristorante allo stesso modo. Non dopo aver scoperto che in una serata normale, in cui vengono serviti 69 coperti, si devono preparare altre 190 portate! Una catena di montaggio e, insieme, un manicomio. L’orchestra della cucina è la musica che sorprende di più tra spinte, insulti e piatti che volano, e passione, perché cibo significa pancia e cuore, cioè il profondo più profondo di noi stessi.” – Davide Crosetti, La Repubblica


Condividi

Rassegna Stampa
Video
Immagini
Luca Iaccarino – Dire fare mangiare


Acquista
 
“Ho una naturale diffidenza verso i magri. Giuda era magro. Hitler era magro. Dart Fener era magro. Non voglio dire che gli smilzi siano satanici, né generalizzare troppo, certo è che mi trovo meglio con chi ama la buona tavola, il convivio, la bisboccia.”
Contenuti extra