Mercedes Sosa

Todo cambia – l’Argentina di Mercedes Sosa

ARTI, PERSONAGGI Leave a Comment

Ottant’anni fa nasceva in Argentina la cantante Mercedes Sosa. È stata un simbolo della sua terra e della lotta per la pace e i diritti civili contro la dittatura; si definiva una cantora popular. È conosciuta con diversi soprannomi: La Madre di America, la Pachamama, la voce della terra o semplicemente La Negra.

Nata da una famiglia povera a San Miguel de Tucumán il 9 luglio del 1935, Haydé Mercedes Sosa inizia la sua carriera artistica giovanissima, appassionandosi presto alla canzone popolare. Arrivata al successo negli anni Sessanta, nel 1967 si esibisce in una lunga tournée che la porta negli Stati Uniti, Russia ed Europa.

Nel 1972, nonostante gli attacchi dei militari, esce Hasta la victoria, un album con canzoni di chiaro contenuto sociale e politico e Cantata Sudamericana. Considerata uno dei simboli della resistenza alla dittature del continente, dopo il golpe militare del 1976 la sua musica inizia a essere censurata dai militari: prima le impedirono la pubblicazione di nuovi dischi, poi nel 1979 venne arrestata durante un concerto a La Plata e quindi costretta all’esilio in Europa. Durante quel periodo dedica molti brani alla sua patria e alla speranza di cambiamento e di pace e democrazia per gli argentini, come Todo cambia e Solo le pido a Dios, che diventerà l’inno delle nuove generazioni alla libertà riconquistata.

Torna in Argentina il 18 febbraio 1982, alla vigilia della caduta del regime e si esibisce tredici volte al Teatro dell’Opera di Buenos Aires. Tutti i suoi concerti in quell’occasione iniziano con il brano Todavía cantamos, un urlo alla resistenza e alla speranza.

Mercedes Sosa è scompasa il 4 ottobre 2009 a Buenos Aires. L’Argentina l’ha salutata con tre giorni di lutto nazionale. La salma è stata esposta nel Congresso della Nazione è salutata da una moltitudine che intona commossa le sue canzoni.

Interprete eccelsa, nella sua carriera ha condiviso la scena con prestigiosi artisti come Pavarotti, Serrat, Martha Argerich, Sting, Joan Baez, Milton Nascimento.

Condividi