phpThumb_generated_thumbnailjpg

Pierre Rabhi, il “poeta contadino”

SOCIETÀ Lascia un commento

Il 16 settembre è un’occasione da non perdere.

Refrattario alla troppa pubblicità, lontano dai riflettori, schivo ma non elitario, torna finalmente in Italia Pierre Rabhi, il “poeta contadino” francese di origine algerina che, con la forza del suo esempio e del suo lavoro, sta tracciando strade e indicando percorsi a chi si occupa di agricoltura sostenibile, ambiente, rispetto della natura.

Rabhi sarà ospite a Roma per la Seconda conferenza internazionale Agricolture in an Urbanizing Society il cui titolo di quest’anno è Reconnecting Agricolture and Food Chains to Societal Needs.

Gli incontri si terranno presso la scuola di Economia e Studi Aziendali, nelle sedi dell’Università RomaTre e per cinque giorni si concentreranno su temi fondamentali come l’agricoltura multifunzionale, il rapporto campagna-città, la tutela e lo sviluppo sostenibile della produzione di cibo.

La lezione di Pierre Rabhi è prevista per mercoledì 16 settembre dalle ore 9 alle 10.30 con il titolo Agroecologia, un’etica per la vita. Il contadino che in Ardeche ha ricostruito il suo mondo torna ai temi principali del suo percorso di vita: l’agricoltura da vivere come rapporto etico con la terra.

Alle 16.30 Rabhi introducendo una tavola rotonda che si concluderà con la premiazione dei vincitori dell’AiCARE Awards 2015.

Di Pierre Rabhi abbiamo amato e pubblicato in Italia i due libri fondamentali Manifesto per la terra e per l’uomo e La sobrietà felice, e abbiamo avuto la fortuna di incontrarlo in una delle sue (rare) visite italiane di alcuni anni fa a Torino, organizzato da Gruppo del cerchio, Aicare e  Coldiretti Torino. Ci sono autori che vanno oltre la forza del loro scritto, la cui presenza fisica, fatta di gesti gentili e composti, riesce a emozionare e che lasciano molto a chi ha la fortuna di incontrarli. La figura esile e ieratica di Pierre Rabhi ha questa forza, la sua voce condivide, quasi con pudore, una saggezza che abbiamo dimenticato. L’occasione del convegno romano è quindi un momento imprescindibile per chiunque si occupi di questi temi o semplicemente abbia a cuore le sorti del pianeta, perché è grazie a uomini come Pierre Rabhi che un futuro più equo può davvero essere possibile. Dobbiamo ascoltarli.

Tutte le informazioni sul convegno si possono trovare qui e l’hastag ufficiale per seguire i lavori è #AgUrb2015. Per l’occasione e per far conoscere a tutti il lavoro di Rabhi, abbiamo deciso di  offrire l’ebook di La sobrietà felice a un prezzo speciale (2,99 euro anziché 5,99).

Condividi