velososmith

Caetano Veloso e Patti Smith

ARTI, INCENDI, SOCIETÀ Lascia un commento

– di Igiaba Scego e Tiziana Lo Porto

In occasione del festival La Grande invasione di Ivrea racconteremo i nostri incendi: le passioni che incendiano le vite, le muovono e le modificano. Abbiamo chiesto a Luca Scarlini, Igiaba Scego, Susanna Tartaro, Tito Faraci e Tiziana Lo Porto, i primi autori della collana INCENDI, di raccontare durante il festival e nel nostro blog il perchè delle loro passioni.
Oggi vi raccontano due amori musicali: Igiaba Scego con Caetano Veloso e Tiziana Lo Porto con Patti Smith.


Caetano Veloso. Camminando controvento
di Igiaba Scego

Caetano Veloso per me non è solo una passione musicale, ma quasi una religione laica, aggiunge alla mia vita qualcosa in più.

La bellezza che lo avvolge mi fa assaporare mondi sconosciuti, viaggiare in una dimensione dove modernità e tradizione si sposano ogni giorno e portano a creazioni musicali dal gusto inconfondibile.

Attraverso di lui ho scoperto il Brasile, un Paese-continente attraversato da mille contraddizioni e mille verità. Un paese che sa mettersi a nudo come pochi, ma che resta per chi non c’è nato un po’ misterioso.

E Caetano Veloso, come un sacerdote della musica, mi fa attraversare questo Paese-continente con i suoni e la potenza di una storia sempre in bilico tra farsa e tragedia. Caetano mi guida e io mi faccio cullare dalla sua musica.


Patti Smith. Il punk è un sentimento
di Tiziana Lo Porto

Anni fa la fotografa Annie Leibovitz ha girato mezza America per fotografare luoghi e oggetti delle persone che hanno contribuito alla sua educazione sentimentale facendola diventare l’artista che è. Ha fotografato lo studio di Marta Graham, il letto di Emily Dickinson, la casa di Walt Whitman. Ha esposto le foto in più musei, le ha raccolte in un volume maestoso e bello (Pilgrimage), ha trasformato in arte il sentimento.

A mettere insieme gli amori letterari e artistici che definiscono le persone che siamo vengono fuori delle costellazioni.

Me lo ha spiegato un giorno al telefono Patti Smith. “Sono solo stelle di una tua costellazione emotiva e personalissima che ti costruisci crescendo”, ha detto. “Li guardi ed è come guardare le stelle”. Parlavamo di Rimbaud, di Pasolini, di Jim Carroll, di Roberto Bolaño, dei Detective selvaggi, dei detective delle serie tv. Le sue stelle spesso coincidevano con le mie, e non per caso.

Finita la telefonata ho iniziato a immaginare una costellazione di scrittori, poeti, artisti, musicisti scoperti nelle canzoni e nei libri di Patti Smith e diventati miei. Mi sono ricordata di quando ragazzina andavo in libreria a comprare i libri di Robert Graves, di Brecht o dei poeti maledetti. “Me li hanno consigliati i miei amici”, dicevo alla libraia. Non le dicevo che i miei amici erano Bob Dylan e Patti Smith, che nelle biografie o nelle interviste citavano generosi i loro autori preferiti, che i loro autori preferiti diventavano i miei.

La costellazione nei mesi è cresciuta ed è diventata libro. Il libro parla di Patti Smith, parla della sua adolescenza e della mia, parla delle costellazioni che da allora a ora splendono per non farsi perdere di vista, parla di un’educazione punk e sentimentale. Dentro ci sono molte delle nostre persone preferite.

Stessa telefonata, ancora Patti Smith: “Ci sono grandi stelle e pianeti, ma anche stelle minuscole, ed esistono tutte quante, e non sono meno reali della terra. Ti sembrano irraggiungibili ma questo non significa che non siano vere”. Sì.

Igiaba Scego a La Grande Invasione – Ivrea
4 giugno ore 16.00 – 17.00 (sala Santa Marta)
Igiaba Scego è la guida appassionata che ci fa incontrare Caetano Veloso, la sua poesia e la sua voce.Questo libro è un viaggio affascinante per chi ama Caetano Veloso, ma anche per chi vuole scoprire una delle figure centrali della musica del Novecento, non solo brasiliana. Un artista senza tempo che continua a commuovere ed emozionare intere generazioni.

Tiziana Lo Porto a La Grande Invasione – Ivrea
5 giugno ore 16.00 – 17.00 (sala Santa Maria)
Le passioni incendiano le nostre vite, le muovono e le modificano: Fabio Geda, curatore con Francesca Mancini del progetto INCENDI dialoga con gli autori dei prossimi titoli, Tito Faraci e Tiziana Lo Porto delle loro due grandi passioni: Topolino e Patti Smith.

Condividi