ventimiglia

Il puzzle delle nazioni. Frontiere e frammentazione.

SOCIETÀ Lascia un commento

– di Pierre Rabhi – tratto da Manifesto per l’uomo e per la terra

Esaminato su un mappamondo, il pianeta, uno e indivisibile per natura, ha l’aspetto di un puzzle. Gli uomini vi hanno impresso delle frontiere. Ogni tessera di questo puzzle rappresenta il territorio più o meno esteso di una nazione. Tuttavia, contrariamente a un puzzle vero, in cui gli elementi, una volta riuniti, danno una configurazione che rende coerente e intelligibile il tutto, quello delle nazioni produce incoerenza. Ciascuna nazione, infatti, è confinata su un territorio cosiddetto «legittimo» adornato di una propria bandiera e di un proprio inno… Paradossalmente, le frontiere, stabilite in modo arbitrario e modificate di continuo secondo le circostanze e le prospettive della storia, dovrebbero proteggere i cittadini, ma allo stesso tempo li rinchiudono.

Ogni territorio diventa così un’enclave all’interno di una grande totalità. Si tratta dello smembramento e del frazionamento di un principio unitario che caratterizza, come abbiamo visto, la sfera terrestre. In fondo il nazionalismo crea una sicurezza illusoria, esacerbando l’insicurezza che dovrebbe abolire e legittimando la fabbricazione di armi per la tanto acclamata difesa del territorio e, di conseguenza, gli equipaggiamenti difensivi, offensivi, dissuasivi…

Questa frammentazione è una specie di espressione su larga scala del tribalismo iniziale irrisolto. Il tribalismo si declina ugualmente in divisioni in materia di credo, ideologie, opinioni, religioni, etnie, caste sociali. La divisione è la fonte di piccoli e grandi conflitti; la politica e la geopolitica ce ne danno un eccellente esempio. Il tribalismo si basa anche sull’annessione e la cancellazione di numerose culture e identità, il che ha come effetto un egemonismo che continua a impoverire, standardizzandola, la collettività umana a discapito della sua diversità come ricchezza di tutti.

La frammentazione materiale è il riflesso della frammentazione in luoghi sottili della psiche umana. Percepire chiaramente che la ricerca della sicurezza attraverso il tribalismo è alla radice dell’insicurezza, e dunque della violenza, non è cosa facile, poiché questo implica andare alla fonte dell’insicurezza che è in tutti noi…

Condividi