rr

Digital disruption: un “sovvertimento” digitale

SOCIETÀ Lascia un commento

di Russ Roberts autore di Come Adam Smith può cambiarvi la vita

Non sono certo il primo a decantare le virtù della sharing economy, la cui ultima iterazione arriva sotto forma di app per smartphone come Airbnb o Uber, che mettono in collegamento persone in cerca di un alloggio o di un passaggio in auto con altre disposte a fornirlo. La tecnologia che mi permette di prenotare un appartamento pressoché ovunque nel mondo o di chiamare un taxi in pochi minuti sul mio telefono è proprio interessante. Ma ciò che sfugge a molti è come sia cruciale un concetto astratto – la fiducia – nel far funzionare queste imprese. La sharing economy sta cambiando le nostre abitudini di viaggio, frammentando i servizi alberghieri e di taxi in centinaia di migliaia di fornitori indipendenti. Questo potrebbe modificare anche radicalmente il modo in cui funzionano le nostre istituzioni politiche.

sharing-economy-apps

Airbnb permette di immaginare che alloggerei in casa di uno sconosciuto che non possiede un marchio, tipo Hilton, da preservare. Perché sarei tanto pazzo da fidarmi di una persona presa a caso su internet? Perché quella persona dovrebbe mai fidarsi di me? E come potremmo eventualmente trovarci l’un l’altra? È questa la magia del software di Airbnb. In un minuto o due posso trovare una stanza nella città che sto visitando. Costa poco. È facile. E, in quanto alla fiducia, Airbnb ha risolto il problema: altri sono già stati lì e hanno valutato posto e proprietario.

Uber fa lo stesso con i taxi. In una notte piovosa a New York è difficile trovare un taxi. Per la strada ci sono clienti in più, non taxi in più. Ma il meccanismo tariffario di Uber fa impennare i prezzi quando i taxi scarseggiano, e questo significa che puoi trovare un passaggio in un batter d’occhio. Perché dovrei salire in macchina con uno sconosciuto? Quando l’autista Uber sta per arrivare, posso vedere che il suo voto è 4.9 su 5. Se scende sotto 4.6, Uber lo estromette dal sistema. È facile come l’autostop, senza preoccuparmi di chi mi prende a bordo.

Non sorprende che alle compagnie di taxi e al settore alberghiero non piacciano Uber o Airbnb. Vogliono che gli ultimi arrivati siano sottoposti alle stesse regole ed esaminatori, commissioni, ecc. cui si sottopongono loro.

Tutte le aziende hanno bisogno di un modo per garantire qualità ai clienti. Uno è la regolamentazione da parte del governo, ma è costosa e può essere corrotta. Affidarsi al crowdsourcing costa meno ed è forse anche più sicuro. Invece di aumentare le regole su Airbnb, o vietarne l’uso completamente, dovremmo modernizzare gli altri modi in cui compriamo e vendiamo le cose.

Il che ci porta a un altro “sovvertitore” di primo piano: la casa automobilistica Tesla Motors. Elon Musk, cofondatore di Tesla, ha quest’idea folle di vendere le sue auto elettriche di alta gamma direttamente ai clienti piuttosto che attraverso concessionarie. Ma in alcuni stati le concessionarie d’auto con legami politici hanno sostenuto una legislazione che mi impedisce di comprare direttamente dal produttore. Queste leggi non trovano il favore del pubblico: la maggior parte delle persone sente di avere il diritto di acquistare un’auto senza intermediari. E ci sono esperienze d’acquisto meno piacevoli di comprare un’auto nuova dal concessionario? In un mondo in cui posso venire a sapere molto di com’è un’esperienza da altre persone, sarà sempre più difficile per il governo impedire ad adulti consenzienti la gestione delle proprie transazioni.

Le concessionarie d’auto sostengono che è solo una questione di equità: Tesla deve giocare con le stesse regole di tutti gli altri. Ma queste regole fanno molto XX secolo. Nel secolo attuale sono gli utenti, non gli ispettori governativi, a vigilare sulla qualità, e ciò rende le regolamentazioni molto meno necessarie. Questo potrebbe sovvertire qualcosa in più rispetto ai mercati dell’auto, dei taxi e degli hotel. Sovvertire il governo sarebbe il sovvertimento più grande di tutti.

Fonte http://russroberts.info/article/the-disrupters/#more-416

Traduzione di Maria De Caro.

Condividi